Prima della “Buona scuola”… c’è la Legge di stabilità

Rilanciamo l’articolo di Maria Grazia Fiore su Speculum Maius sulle recenti larghe intese che dal Parlamento stanno decidendo il fosco futuro del sistema educativo pubblico italiano (o meglio, quel che ne rimane).
Riteniamo che una delle mode del momento, sbandierare per traguardi e buone cose provvedimenti in realtà distruttivi per il bene pubblico, sia quanto più deleterio e distante esista da una sana gestione dello Stato.

Prima della “Buona scuola”… c’è la Legge di stabilità

Posted on 18 ottobre, 2014

 

simbolo della legge

by ARASAAC

Mentre i dirigenti scolastici vengono richiamati all’ordine sulla necessità di diffondere urbis et orbis la buona novella, il Governo fa le vere riforme – come è ormai tradizione – attraverso la diminuzione delle risorse destinate a istruzione e formazione e la svalutazione ulteriore del lavoro docente, soprattutto a livello organizzativo.

E’ particolarmente istruttivo leggere a tale proposito l’art.28 della bozza della Legge di stabilità, declinandolo alla luce degli effetti che avrà sul funzionamento concreto degli istituti scolastici.

Il comma 1, sicuramente più noto, è quello che trasforma le Commissioni d’esame per la maturità prevedendo la loro composizione con membri esclusivamente interni (che non avranno diritto ad alcun compenso sul modello degli insegnanti della scuola primaria quando esisteva l’esame di licenza elementare, per intenderci). Sul regalo fatto agli esamifici/diplomifici, si sono espresse anche voci che sicuramente non possono essere tacciate di gufare contro la “buona scuola” (renzianamente intesa).

Il comma 2 riduce di 200 milioni i fondi destinati alla scuola per l’Europa di Parma. Apparentemente ci interessa poco ma è interessante ricordare lo sperpero di soldi di cui è stata oggetto mentre le scuole pubbliche venivano sistematicamente saccheggiate, come dimostra la costante diminuzione degli stanziamenti per i fondi di istituto (partiti da 269 milioni di euro nel 2001 e ridotti di oltre il 70% già nel 2011), confermata dal comma 4 che decurta di ulteriori 30 milioni le risorse destinate all’autonomia scolastica. Questo significa mettere le scuole in balia del mercato e dei finanziamenti esterni: una scelta politica ben precisa, coerentemente perseguita in tutti questi anni.

Il comma 6 prevede invece l’eliminazione di qualsiasi tipo di esonero (anche parziale) per i collaboratori del Dirigente Scolastico, (già fortemente ridimensionati in passato), che getterà nel caos le scuole SENZA dirigente scolastico. Come si legge su Tecnica della scuola

La nuova regola non tiene affatto conto però di una questione fondamentale: un conto è eliminare gli esoneri dei docenti che svolgono la funzione di collaboratore nelle scuole dove c’è un dirigente titolare; tutt’altra questione è farlo laddove c’è solamente un reggente.
D’altra parte lo stesso “decreto Carrozza” del settembre 2013 aveva previsto (5° comma dell’articolo 17) che nelle istituzioni scolastiche affidate in reggenza nelle regioni dove non si erano ancora concluse le procedure concorsuali si poteva addirittura derogare dai limiti numerici fissati dall’articolo 459 del TU del 1994.

Segue l’impossibilità di supplenze per il personale ATA per i primi 7 giorni di assenza (comma 8), tirando fuori la carta magica delle “ore eccedenti” da attribuire ad altri colleghi ma non tenendo conto che, in particolare per i collaboratori scolastici, l’organico è già largamente insufficiente, soprattutto nella fascia infanzia-primaria. Se ci aggiungiamo il taglio di 2020 unità (comma 10) il quadro è agghiacciante.

Dulcis in fundo, eccoti qui il colpo da maestro: niente più sostituzioni per i docenti assenti un giorno (comma 9), a dir la verità già adesso non troppo frequenti Questo significherà che le classi verranno smistate sempre più spesso per far fronte all’assenza del docente, con buona pace della qualità didattica e delle lamentele delle famiglie. Eppure la sentenza della Corte dei conti numero 59, depositata il 29 gennaio 2004, ha stabilito che anche per un giorno di assenza – se mancano docenti a disposizione – deve essere nominato il supplente, altrimenti incorre nel reato di interruzione di un pubblico servizio [qui l’intervento di Nocera in riferimento alla sostituzione dell’insegnante di sostegno].

E qui mi fermo, con l’invito reiterato a esercitarsi con il fatidico “combinato disposto” prima di farlo con i massimi sistemi: si hanno indubbiamente le idee più chiare.

   Invia l'articolo in formato PDF   

Meeting ASI 360 – relazione

Meeting ASI 2014, 3 ottobre 2014. Le relazioni e le mappe di Maria Grazia Fiore e di Giovanni Barin.


 

mappaGB-asi360

 


Il “Grand tour” della famiglia nell’inclusione; leadership e corresponsabilità nel progetto educativo. Giovanni Barin

Consideriamo i bambini che nascono o diventano sordi in età prescolare. Nel forum che ha contribuito a organizzare questo meeting sono molte, veramente tante le testimonianze di famiglie e di persone con sordità che riconoscono nella scuola il primo scoglio problematico sul quale, purtroppo, si impatta. Proprio nella scuola che dovrebbe essere l’ambiente inclusivo per eccellenza.

Nella scuola la famiglia entra in una vasta complessità scoprendo percorsi nei quali difficilmente sa orientarsi senza una guida che dovrebbe essere la scuola stessa; si trova a dover compiere un moderno “grand tour” ma alla rovescia, perdendo tempo prezioso, scoprendo tardi le forme vitali di partecipazione alla vita scolastica previste dalla normativa vigente.

Tra queste forme di partecipazione, i GLHI, gruppi di lavoro sull’handicap di istituto, rappresentano per le famiglie e per gli allievi con disabilità il fulcro sul quale costruire un rapporto con la scuola, confrontandosi sugli obiettivi e sulle strategie di inclusione scolastica e sociale.

Nei GLHI si crea un percorso di scambio di informazioni tra famiglia, docenti, dirigenza scolastica, e con i professionisti che seguono il percorso extrascolastico abilitativo.

Continue reading

   Invia l'articolo in formato PDF   

Percorsi per i genitori: famiglie, disabilità e i tempi della scuola

tempiscuolaSiamo in un tempo nel quale tutto vuol esser ridotto all’essenziale (e, troppo spesso anche a meno), a partire dai servizi che fino a poco tempo fa erano gestiti per la persona. Uno degli effetti del mantra del risparmio che ha generato le riforme socio-assistenziali, e che sta agendo anche sulla scuola, è il trasferimento di competenze dal servizio verso la famiglia. Ci troviamo a dover acquisire le regole della burocrazia, e bisogna conoscerle bene pena il disservizio. Oltre ai propri compiti, a nostro avviso nella scuola è utile sapere anche quali sono i passi che scuola, ASL, Comune,ecc., devono compiere per fornire correttamente il servizio richiesto.  Le regole devono essere rispettate da entrambe le parti secondo tempistiche abbastanza precise; conoscerle consente di interagire correttamente con la scuola e di programmare per tempo le varie incombenze.  In questo senso abbiamo predisposto uno schema sui principali tempi della scuola, inteso come suddivisione cronologica dei momenti che scandiscono le fasi scolastiche per le famiglie che hanno figli con disabilità inseriti nella scuola pubblica. Analogamente a quanto pubblicato per il sostegno scolastico, lo schema viene proposto sia in forma animata (ma navigabile), sia come mappa statica.
Continue reading

   Invia l'articolo in formato PDF   

Percorsi per i genitori: il sostegno scolastico

mappapreziL’epoca di pubblicazione di questo post è nelle prime settimane dall’inizio del nuovo anno scolastico. Siamo nel 2014 e nel reiterarsi degli anni il tema che in questo periodo investe noi famiglie con figli con disabilità che frequentano le scuole è, tanto per cambiare, l’inclusione scolastica. In una realtà sociale sana, logica, accessibile a e per tutti, saremmo qui a ragionare sui risvolti raffinati della vita scolastica dei nostri figli, oppure non ci sarebbe nulla su cui disquisire grazie a un sistema che nella consuetudine inclusiva e nel rispetto di uno dei corpi normativi più avanzati (e studiati) al mondo in tema di disabilità ci consentirebbe di dedicarci ad attività più piacevoli. Il nostro tempo e quello dei nostri figli dovrebbe esser dedicato alla crescita reciproca, a vivere e assaporare la vita che ci ha uniti respirando la fragranza di una società sana che nel pieno delle possibilità non pone vincoli alla reciproca esistenza.

Non è così. Scriviamo queste righe per difendere un diritto costituzionale e informare le famiglie su come difenderlo, con quali strumenti e con quali documenti. Conoscere la scuola è il primo passo per dialogare con il personale docente e non docente e con i dirigenti, nell’auspicio di trovare un canale comunicativo fecondo e di crescita per entrambi. Non è il numero di ore di sostegno che assilla le famiglie; è la qualità del progetto educativo l’interrogativo quotidiano, ma quando mancano i presupposti per un ragionamento di qualità, l’entità del sostegno scolastico diventa la base su cui le famiglie si sostituiscono al dovere dello Stato. Teniamo particolarmente a Continue reading

   Invia l'articolo in formato PDF   

Formazione sulla sordità /2: Lodi 2 ottobre 2014

seminarioLodi2ottobre_LA compendio del seminario sulla sordità nelle scuole del 2 ottobre 2014, pubblichiamo una serie di informazioni per ampliare l’argomento della sordità nella scuola.
Strategie didattiche. L’arrivo a scuola degli alunni con disabilità porta una ventata di novità che, se interpretata come dovrebbe nelle giuste modalità, è portatrice di inestimabili esperienze arricchenti per tutta la comunità scolastica: insegnanti, dirigenti, famiglie, compagni di classe della stessa e di altre sezioni. I bambini fanno della curiosità lo strumento naturale per includere nel gruppo qualsiasi altro bambino con disabilità; una mediazione positiva dell’adulto aiuta nel comprendere e accelerare il processo di inclusione. Per la sordità le strategie sono ormai ben definite, interessando trasversalmente tutti gli approcci e metodi pedagogici utilizzabili. I professionisti del settore, le famiglie e la scuola hanno elaborato una serie di documenti semplici ed efficaci per una infarinatura di base per insegnanti e genitori sul tema della sordità, sia per un suo approfondimento; sono raggiungibili attraverso i link che seguono e, per i testi, acquistabili anche nei negozi online.


2014.09.25-sordità-03LSintesi delle principali strategie per l’inclusione scolastica degli allievi sordi (e non solo!). Documento distribuito al seminario del 2 ottobre 2014.
A cura dei Genitori Tosti.


sentichiparlaLLUna guida elaborata dalla Federazione Italiana Logopedisti rivolta alle famiglie e agli insegnanti, con spunti preziosi operativi. http://www.nobarriere.eu/admin/documenti/fumetto%20FLI.pdf

Continue reading

   Invia l'articolo in formato PDF