Percorsi per i genitori: una chiave di lettura della scuola nell’ultimo ventennio – Presentazione

Qui la presentazione su Prezi dei contenuti dello scritto “Percorsi per i genitori: una chiave di lettura della scuola nell’ultimo ventennio

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lodi e la politica provinciale inaccessibile

Notizia avuta poche ore fa: pare che per le risorse agli studenti con disabilità, la Provincia di Lodi non abbia fondi per il 2015. Significa che le risorse e, di conseguenza, i servizi di educatori delle scuole superiori, assistenti alla comunicazione, i trasporti e, in parte, le opere per l’edilizia scolastica di competenza provinciale, dal prossimo primo gennaio semplicemente non esisteranno più.

Come abbiamo più volte affermato, togliere un servizio a chi non ne ha reale necessità rappresenta un piccolo problema. Togliere qualsiasi risorsa a una persona con disabilità/alla sua famiglia causa spesso esiti drammatici. Significherebbe per alcune famiglie non far frequentare la scuola ai figli; isolare le persone con disabilità; non mettere in condizione le disabilità sensoriali di integrarsi/seguire adeguatamente gli insegnanti.

Ci auguriamo che non sia così o che ci sia un rapido rifinanziamento; lavoreremo con rinnovato vigore anche su questo tema. Non possiamo però tacere su questa politica distruttiva e basata sul terrore, moderno nazismo nei confronti delle persone con disabilità, sintomo e causa di profonda incapacità sia dell’intera filiera politica di governo, sia di chi con i governi ha fin qui trattato.

Queste azioni avvengono in spregio della Carta Costituzionale e delle Leggi vigenti, prima tra tutte la Convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità, legge dello Stato dal 2009. E senza che gli sprechi siano stati ridotti. Serve una politica, un senso civico profondamente diverso per invertire una tendenza che con sempre maggior impulso conduce questo perfido gioco al massacro.

   Invia l'articolo in formato PDF