Percorsi per i genitori: una chiave di lettura della scuola nell’ultimo ventennio – Presentazione

Qui la presentazione su Prezi dei contenuti dello scritto “Percorsi per i genitori: una chiave di lettura della scuola nell’ultimo ventennio

   Invia l'articolo in formato PDF   

Percorsi per le famiglie: una chiave di lettura della scuola nell’ultimo ventennio /1

Dicevamo, “la scuola che ci interessa è nei fatti”. Pur nell’ingarbugliato contesto socio/politico/economico di questo tempo, grazie all’“utilizzo di una interpretazione multidisciplinare e multiprospettica” cerchiamo di tirare le fila di quei discorsi che, portati a nudo, offrono una interpretazione interessante della deriva del sistema scolastico italiano osservandolo, in particolare, dal punto di vista della disabilità. Grazie ai risultati di alcuni studi nazionali ed internazionali leggeremo le politiche italiane di gestione della spesa pubblica, cercando di comprendere in quale direzione ci hanno portato le scelte passate e sia quali  prospettive ci attendono se le attuali proposte diverranno realtà.
Non pochi esponenti della disabilità e della scuola vedono un ritorno veloce alle scuole speciali.
La storia della scuola parte da molto lontano; quella dell’integrazione scolastica da quando erano le “scuole speciali” ad accogliere tutti i bambini e ragazzi con difficoltà anche minime.

Circolare Ministeriale  8 agosto 1975, n. 227
[….]
Non ci si nasconde la complessità e la gravità dei problemi di natura strutturale ed organizzativa da risolvere, per conseguire risultati apprezzabili, nell’azione volta all’integrazione scolastica e sociale dei suddetti allievi, ma, proprio per questo vanno studiati tempi e forme concreti di interventi significativi sui quali occorrerà richiamare l’attenzione e cercare il consenso degli organi collegiali di governo delle istituzioni scolastiche, per l’alto valore democratico che l’integrazione scolastica degli alunni handicappati riveste. Integrazione che richiede certamente un nuovo modo di essere della scuola – come sottolinea una sezione, qui allegata, del documento conclusivo di una Commissione di esperti che ha affrontato la tematica in oggetto – ma che sollecita e impone anche decisioni graduali e coerenti sul piano dell’azione amministrativa.

“La buona scuola”. Pag. 124
Le risorse private, destinazione scuola. Le risorse pubbliche non saranno mai sufficienti a colmare le esigenze di investimenti nella nostra scuola.

Iniziando dal dato di fatto di una scuola pubblica italiana che ha realizzato e realizza tutt’ora un ruolo fondamentale di inclusione sociale delle persone con disabilità, sostituendo a volte del tutto gli organismi deputati alla presa in carico globale della persona e offrendo un non indifferente momento di “sollievo” qualitativamente elevato alle famiglie (1), risulta importante indagare il motivo di scontento che non di rado le famiglie denunciano nei confronti della scuola (pubblica, ma anche paritaria e privata). Il disorientamento che talvolta le famiglie subiscono nel constatare che la scuola non è quella struttura in grado di offrire tutto quel che pensavano, è reale, dimostrabile e porta frequentemente ad una contrapposizione dalla quale può derivare un confronto costruttivo oppure sfociare in uno scontro spesso sterile quando non prevale la volontà di condividere soluzioni per migliorare la situazione.

Non è facile per le famiglie aver chiaro il panorama professionale, sociale e politico entro il quale si snoda la funzione educativa della scuola; quella odierna è storicamente il risultato di una periodica trasformazione delle sue basi strutturali/pedagogiche, talvolta per adattarsi ai tempi cercando di arricchire l’offerta formativa, più spesso per limitarne i costi. Per comprendere l’attuale organizzazione dell’offerta formativa della scuola pubblica è indispensabile conoscerne l’evoluzione nel tempo, seguendo le trame di alcuni processi socio-economici dove il tema scuola si intreccia strettamente con le dinamiche politiche ed economiche. Nell’intreccio, uno dei fili, quello forse prevalente, riguarda la gestione delle  risorse economiche, elemento a nostro avviso nodale per aver ben chiaro a chi attribuire le responsabilità di una scuola che, salvo rari casi, riesce con difficoltà crescenti a soddisfare famiglie, insegnanti e i fruitori stessi della scuola: i nostri figli.

Escludendo la sfera di riconoscimento della figura del Caregiver familiare, come Genitori Tosti abbiamo ripetutamente affermato che le basi legislative e professionali su cui è fondata l’inclusione scolastica delle persone con disabilità, sono in assoluto potenzialmente di qualità elevata. Non è nella concezione originale del sistema di gestione del progetto di vita che si debbono cercare tutti i deficit inclusivi che portano le famiglie con figli con disabilità a denunciare l’incapacità delle istituzioni nell’osservare e soddisfare le effettive esigenze dei propri figli.

Un motivo più profondo, strutturale e trasversale a diversi aspetti sociali è, lo ripetiamo, la gestione delle risorse economiche dello Stato, intesa come quantità e qualità della spesa pubblica, in particolare per quanto concerne la quota destinata alla scuola.
A tale aspetto è destinato questo scritto, andando ad osservare criticamente le vicende via via susseguitesi negli anni per cercare qualche spunto di riflessione e, infine, di evoluzione conciliando i bisogni della disabilità con quelli di tutti coloro che vivono la scuola.

Il periodo temporale sul quale ragionare comincia grossomodo a cavallo del nuovo millennio, dal quale si susseguono una serie di circostanze che hanno influito decisamente nella strutturazione della scuola che viviamo ai nostri giorni; le ricadute per l’integrazione scolastica sono state naturalmente consequenziali. Gli anni duemila sono il principio di una parabola problematica successiva alla stagione a tutt’oggi fondamentale per la disabilità che ha visto nascere la Legge 104/92; ragioneremo quindi dal periodo a cavallo del 2000, ciò in virtù anche del periodo di “messa a regime” della Legge 104 del 1992, anche se non si può, purtroppo, affermare che gli otto anni seguiti alla sua promulgazione siano stati sufficienti per raggiungere una situazione ottimale. Circa venticinque anni nei quali alcune disposizioni legislative hanno segnato la storia dell’integrazione scolastica. Vediamole:

Il tema delle iniziative governative attive nel periodo tra la seconda metà del 2014 e la prima del 2015, quello della cosiddetta “buona scuola”, verrà ripreso più avanti.

Autonomia?

Nell’accanimento legislativo equamente bipartisan sulla scuola, partiamo dunque dalla cosiddetta “autonomia scolastica“. Il processo di autonomia giunge da un dibattito iniziato alcuni anni prima quando, tra gli altri, Sabino Cassese propose l’abolizione dei Provveditorati agli studi. Era il 1993. D’altro canto, le vie per giungere a un risultato che coinvolge milioni di persone e che mirano a obiettivi su larga scala, possono essere l’evento fortunoso/casuale (raro) che diventa effetto volano, oppure partire da lontano, programmare e costruire eventi successivi secondo uno Continue reading

   Invia l'articolo in formato PDF   

Buona o meno, lo vedremo. La scuola che ci interessa è nei fatti.

rockRicordo come fosse adesso le parole che sentii la prima volta che varcai la soglia della scuola che avrebbe di li a poco accolto i miei figli: la disabilità è una risorsa per tutti. Parole illuminanti, quelle del dirigente scolastico davanti  a un’affollata assemblea dei genitori. Già, ma come fa una persona con disabilità ad esser tale e non un ingombrante presenza, mi chiesi?

E’ il 15 novembre, quei giorni son  distanti quasi 10 anni e oggi si conclude la consultazione sulle linee guida per la probabile prossima riforma della scuola dell’attuale Governo. Come sempre, il mondo della scuola è complesso e articolato; scriviamo  della parte che più ci compete e delle relazioni che ne nascono: l’integrazione scolastica degli allievi con disabilità, iniziando innanzitutto con la questione della partecipazione alla consultazione online. Non parteciparvi è un segnale. Ascoltando la politica, in un dibattito sul tema aperto al pubblico, risulta che le famiglie siano state poco attive, fatto indicativo dell’ampia distanza che in questi anni è cresciuta tra la società e l’ambito educativo; la stessa evidenza che si ha per chi, genitore, partecipa agli organi collegiali, o come lo è il vedere una sola, singola pagina delle linee guida dedicata all’integrazione scolastica, nella quale si leggono alcuni spunti confusi di ciò che, invece, è ben delineato nelle leggi attuali.

Da inguaribili ottimisti quali siamo, non abbiamo mai negato il contributo nell’offrire soluzioni per migliorare lo stato delle cose. Proponiamo di vedere la scuola con una diversa prospettiva, provando una sorta di “stress-test” visto con gli occhi della disabilità, per capire se l’attuale condizione della scuola (quella di tutti, non solo dal punto di vista delle persone con disabilità) regge o meno alle richieste del suo mercato, quello dei suoi fruitori: la scuola pubblica ha una riserva di risorse (umane, economiche, di programmi) per continuare, per confrontarsi con il mercato educativo? E’ sufficiente a reggere l’impatto di un ambiente più difficile rispetto a quanto attualmente previsto? Come in altri ambiti, nella scuola la disabilità offre un parametro di valutazione prezioso e indiscutibile, ragionando su bisogni complessi, verificando se vengono soddisfatti e in che misura. Dar adeguata risposta i bisogni complessi attuando l’integrazione scolastica significa coinvolgere tutti gli studenti verso una scuola effettivamente universale: passando di scala, trasferendo la valutazione su tutta la popolazione studentesca, si può di conseguenza giungere alla risultante generale per ragionare, infine, sui metodi per, eventualmente, migliorare.

I fatti, dal generale al particolare.

Qualche isola felice e una generale mancata integrazione scolastica. Le famiglie con figli con disabilità Continue reading

   Invia l'articolo in formato PDF   

Prima della “Buona scuola”… c’è la Legge di stabilità

Rilanciamo l’articolo di Maria Grazia Fiore su Speculum Maius sulle recenti larghe intese che dal Parlamento stanno decidendo il fosco futuro del sistema educativo pubblico italiano (o meglio, quel che ne rimane).
Riteniamo che una delle mode del momento, sbandierare per traguardi e buone cose provvedimenti in realtà distruttivi per il bene pubblico, sia quanto più deleterio e distante esista da una sana gestione dello Stato.

Prima della “Buona scuola”… c’è la Legge di stabilità

Posted on 18 ottobre, 2014

 

simbolo della legge

by ARASAAC

Mentre i dirigenti scolastici vengono richiamati all’ordine sulla necessità di diffondere urbis et orbis la buona novella, il Governo fa le vere riforme – come è ormai tradizione – attraverso la diminuzione delle risorse destinate a istruzione e formazione e la svalutazione ulteriore del lavoro docente, soprattutto a livello organizzativo.

E’ particolarmente istruttivo leggere a tale proposito l’art.28 della bozza della Legge di stabilità, declinandolo alla luce degli effetti che avrà sul funzionamento concreto degli istituti scolastici.

Il comma 1, sicuramente più noto, è quello che trasforma le Commissioni d’esame per la maturità prevedendo la loro composizione con membri esclusivamente interni (che non avranno diritto ad alcun compenso sul modello degli insegnanti della scuola primaria quando esisteva l’esame di licenza elementare, per intenderci). Sul regalo fatto agli esamifici/diplomifici, si sono espresse anche voci che sicuramente non possono essere tacciate di gufare contro la “buona scuola” (renzianamente intesa).

Il comma 2 riduce di 200 milioni i fondi destinati alla scuola per l’Europa di Parma. Apparentemente ci interessa poco ma è interessante ricordare lo sperpero di soldi di cui è stata oggetto mentre le scuole pubbliche venivano sistematicamente saccheggiate, come dimostra la costante diminuzione degli stanziamenti per i fondi di istituto (partiti da 269 milioni di euro nel 2001 e ridotti di oltre il 70% già nel 2011), confermata dal comma 4 che decurta di ulteriori 30 milioni le risorse destinate all’autonomia scolastica. Questo significa mettere le scuole in balia del mercato e dei finanziamenti esterni: una scelta politica ben precisa, coerentemente perseguita in tutti questi anni.

Il comma 6 prevede invece l’eliminazione di qualsiasi tipo di esonero (anche parziale) per i collaboratori del Dirigente Scolastico, (già fortemente ridimensionati in passato), che getterà nel caos le scuole SENZA dirigente scolastico. Come si legge su Tecnica della scuola

La nuova regola non tiene affatto conto però di una questione fondamentale: un conto è eliminare gli esoneri dei docenti che svolgono la funzione di collaboratore nelle scuole dove c’è un dirigente titolare; tutt’altra questione è farlo laddove c’è solamente un reggente.
D’altra parte lo stesso “decreto Carrozza” del settembre 2013 aveva previsto (5° comma dell’articolo 17) che nelle istituzioni scolastiche affidate in reggenza nelle regioni dove non si erano ancora concluse le procedure concorsuali si poteva addirittura derogare dai limiti numerici fissati dall’articolo 459 del TU del 1994.

Segue l’impossibilità di supplenze per il personale ATA per i primi 7 giorni di assenza (comma 8), tirando fuori la carta magica delle “ore eccedenti” da attribuire ad altri colleghi ma non tenendo conto che, in particolare per i collaboratori scolastici, l’organico è già largamente insufficiente, soprattutto nella fascia infanzia-primaria. Se ci aggiungiamo il taglio di 2020 unità (comma 10) il quadro è agghiacciante.

Dulcis in fundo, eccoti qui il colpo da maestro: niente più sostituzioni per i docenti assenti un giorno (comma 9), a dir la verità già adesso non troppo frequenti Questo significherà che le classi verranno smistate sempre più spesso per far fronte all’assenza del docente, con buona pace della qualità didattica e delle lamentele delle famiglie. Eppure la sentenza della Corte dei conti numero 59, depositata il 29 gennaio 2004, ha stabilito che anche per un giorno di assenza – se mancano docenti a disposizione – deve essere nominato il supplente, altrimenti incorre nel reato di interruzione di un pubblico servizio [qui l’intervento di Nocera in riferimento alla sostituzione dell’insegnante di sostegno].

E qui mi fermo, con l’invito reiterato a esercitarsi con il fatidico “combinato disposto” prima di farlo con i massimi sistemi: si hanno indubbiamente le idee più chiare.

   Invia l'articolo in formato PDF