Disabilità e strategie socio-economiche: la politica dei piccoli passi

In questo video illustriamo la cosiddetta strategia dei piccoli passi con la quale i vertici politico-economici hanno determinato l’erosione delle risorse e dei diritti delle persone con disabilità (ma non solo). Potrà sembrare paradossale, ma c’è una generale accettazione di tali politiche da parte della cittadinanza causata dalla difficoltà di percepire il risultato dei continui tagli, mentre si è tutti protesi a risolvere la quotidianità. Ma così non si può e deve continuare.

La diffusione del “credo” della “mancanza di risorse” quale condizione sufficiente per determinare i tagli al welfare è un falso storico, dimostrato dalle statistiche economiche disponibili nelle banche dati mondiali. Nel frattempo la ricchezza si concentra in chi ha già largamente aumentato i propri capitali negli ultimi anni.
Ne abbiamo parlato qui: http://www.genitoritosti.it/?p=1513

E’ necessario un radicale cambiamento di indirizzo con scelte politico-economiche decise e condivise dalle  famiglie e persone (anche) con disabilità, prima che i livelli essenziali diventino completamente insufficienti.
Sta a noi scegliere se accettare i compromessi che erodono risorse e risparmi, oppure cambiare rotta. E’ innanzitutto una scelta politica, ben diversa da quanto portato avanti da lungo tempo dal panorama politico.

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Turismo accessibile a Verona – 18/19 aprile 2015, un week end di eventi

 di Alessandra.
Domani sabato 18 aprile a partire dalle 9.30 presso la scaligera università (aula T3 – Polo Zanotto, via San Francesco 22) si terrà un convegno sul turismo accessibile di cui segnalo in particolare gli interventi di Manuela Uber, guida turistica, che abbiamo apprezzato sul campo cioè proprio abbiamo fatto con mio figlio un tour attraverso il centro storico di Verona e quindi un tour accessibile per le persone cieche e in carrozzina e vi assicuro che è stata un’esperienza fantastica, specie per il piccolo che per la prima volta nella sua vita ha toccato quello che gli veniva spiegato (spero di riuscire a postare un resoconto di quella giornata) e Anna Corradini referente per il turismo accessibile dell’associazione AMEntelibera, che ho avuto modo di conoscere e parimenti apprezzare per il suo lavoro.
Interverranno anche gli egregi Fabio Lotti e Marco Andreoli di Progetto Yaeh. Gli altri relatori non li conosco, ma mi sembra molto interessante che parli Silvano dalla Valentina, direttore di un hotel con ristorante, di ricettività accessibile (pensiamo a quando siamo in giro con i nostri cari e mangiamo fuori o pernottiamo), oppure che si parli di università e persone con disabilità (Renata Castellani) e quindi anche di bisogni incompresi del turista con disabilità (Michele Orlando).
Il giorno dopo, cioè domenica 19, nella bella cornice dell’evento “Le Piazze dei Sapori” dove si possono gustare e scoprire le specialità gastronomiche di tutt’Italia, ci sarà la possibilità di effettuare i tour accessibili attraverso il centro storico, studiati su misura per le disabilità sensoriali e motorie, durano un’ora e si prenotano contattando AMEntelibera, Tel./Fax +39 (0)45 7600128, Cell. (+39) 3407739525 / 345 1780368,  info@viaggiamentelibera.it
Inoltre è disponibile uno stand in piazza Brà, con materiale informativo per diffondere il più possibile la cultura dell’accessibilità turistica.
Complimenti agli organizzatori e a tutti quelli che hanno collaborato per organizzare questi eventi.
Nella speranza quindi che il tempo regga, auguro a tutti un bel week end accessibile in una delle più belle città d’arte del nostro Paese.
 
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

blu


….
Nonostante le belle parole e i palazzi illuminati di blu per l’occasione, a pensare a voi ci siamo essenzialmente solo noi genitori. Siamo soli e alcuni sono più soli degli altri. A questo dovrebbero servire giornate come questa: a ricordarsi di non lasciare solo nessuno. [cit]

Non c’è molto altro da dire.
L’unione fa la forza. Non lasciamoci e non lasciamoci dividere.

 

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF