Caregiver: un disegno di Legge da rifare

Grazie alla sua Presidentessa, Alessandra Corradi, Genitori Tosti lancia la petizione su CHANGE.org, indirizzata all’On. Sacconi, per rivedere profondamente, se non del tutto, il disegno di legge sui Caregiver familiari in discussione in questi giorni al Parlamento:

CAREGIVER FAMILIARE, UNA LEGGE GIUSTA E A TUTELA DI TUTTI

Chiediamo a tutte le persone vicine alla disabilità di firmare e condividere la petizione e il suo pensiero di fondo: una legge giusta e a tutela di tutti.

Questo il testo che accompagna la petizione:

Per chi come me e almeno per altri 9 milioni di persone in Italia, assistere un familiare stretto, un figlio non autosufficiente o un genitore o il proprio partner, è un lavoro non riconosciuto, che impiega 24 ore al giorno, tutti i giorni, per sempre. Chi svolge questo lavoro di cura si chiama “caregiver familiare”.

Non esistono ferie e non esistono tutele, di nessun tipo, specie quando si è costretti ad abbandonare il proprio lavoro perché è incompatibile con il careviging familiare. Non esistono scuole o corsi di formazione che ti preparino per questa professione di cura, che non è una scelta ma un obbligo, in quanto non esistono reti di servizi, a partire da quello psicologico per finire con quello economico, passando per tutta una serie di ausili fondamentali per la persona che svolge un lavoro di cura di un proprio caro. Il caregiver familiare è spesso abbandonato al suo destino e quando l’età avanza chiunque può immaginare l’epilogo obbligato, per tacere di quando il caregiver viene a mancare all’improvviso. Inoltre la durata di vita, proprio per il tipo di lavoro molto usurante, è notevolmente più corta del resto della popolazione. Per rimediare alla situazione in cui versano 9 milioni di italiani e relative famiglie al Governo è in itinere, dal 2015, una legge che per la prima volta normerebbe la figura del caregiver familiare in Italia e, di conseguenza, tutto quanto pertiene a questa professione non riconosciuta. Al momento è in esame al parlamento uno schema di testo unificato che si compone di 4 articoli e che avrebbe dovuto riunire 3 DDL precedenti sullo stesso argomento, ma il risultato annulla le aspettative e i diritti di tutti i caregiver familiari italiani.

Per una legge giusta e di tutela si chiede all’On. Maurizio Sacconi, al relatore Sen. Giuseppe Pagano di accettare ogni emendamento ragionevole, proposto direttamente dalle associazioni di caregiver e non da qualcun altro che dica di rappresentare questa categoria, senza averne i titoli. Si chiede anche al Direttore della Conferenza delle Regioni e delle province Autonome di accertarsi sul contenuto della Legge in quanto, logisticamente ed economicamente, la sua attuazione sembrerebbe ricadere sulle Regioni.

Il tempo non è molto per fare una buona legge, solo fino a dicembre 2017, chiedo perciò la solidarietà di tutti per essere in tanti a sostenere questa petizione perchè, volendo, si può fare una buona legge che tuteli tutti.

 

Vi chiediamo di firmare e condividere la petizione. E’ quanto mai importante fermare un andazzo che vede negli ultimi anni elaborare leggi propagandate come panacee ma che nel contenuto vanno in un verso opposto al bene e ai diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie.

Grazie

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

2 ottobre 2017 – Primo Convegno FIRST: Sostegno e Tutela delle persone con disabilità

Il prossimo lunedì 2 ottobre a Roma, presso la Sala degli Atti parlamentari “Giovanni Spadolini”, Biblioteca del Senato, in Piazza della Minerva 38, la FIRST Federazione Italiana Rete Sostegno e Tutela diritti delle persone con disabilità, della quale fa parte anche Genitori Tosti, organizza il convegno:

Sostegno e Tutela delle persone con disabilità

FOCUS su:
L’INCLUSIONE SCOLASTICA
LA VITA AUTONOMA ED INDIPENDENTE
IL DOPO DI NOI

Il convegno si terrà dalle 9.00 alle 13.00
Sala degli Atti parlamentari, Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini”, Piazza della Minerva 38, Roma

Il convegno è gratuito.

Per accedere al convegno è obbligatorio prenotarsi, inviando la propria adesione entro il 26 settembre 2017 scrivendo al seguente indirizzo:
firstfederazione65@gmail.com

L’evento intende aprire un dibattito tra famiglie, operatori e Istituzioni sulle tematiche dell’inclusione scolastica, ancora una volta particolarmente critica in questo avvio di anno scolastico, sulla vita autonoma e indipendente quale obiettivo per tutte le famiglie e le persone con disabilità in prospettiva sul dopo di noi, ambito anch’esso di grande attualità date le dinamiche che si stanno definendo a livello legislativo.

Programma

Ore 9.00 – 9.30
Saluti 

ore 10.00
Introduzione ai lavori
avv. Maurizio Benincasa
Presidente FIRST

Ore 10.30 prima Tavola rotonda

L ‘INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA’
OGGI ED IN PROSPETTIVA ALLA LEGGE DEL DLgs 66/2017

Modera
prof.ssa Margherita Franzese vice Presidente FIRST area centro

a colloquio con
dott. Federico Bianchi Di Castelbianco
Psicologo e Psicoterapeuta dell’età evolutiva. Logopedista.
Direttore dell’IDO, Istituto di Ortofonologia

dott. Lorenzo Toni
Neuropsichiatra dell’età evolutiva ASL Roma 3

 

Ore 11.30 seconda Tavola rotonda

VITA AUTONOMA E INDIPENDENTE

Modera
Giovanni Barin Vice Presidente FIRST area nord

a colloquio con
Umberto Emberti Gialloreti
Consulta cittadina permanente sui problemi delle persone con disabilità città di Roma

Giovanni Cupidi
Responsabile del settore “vita indipendente e autodeterminazione” FIRST

 

Ore 12.30 terza Tavola rotonda

IL DOPO DI NOI

Modera
Stella Di Domenico componente Consiglio Direttivo FIRST

a colloquio con

Onorevole Anna Margherita Miotto
Componente della XII commissione (Affari Sociali)

 

Ore 13.00 Chiusura lavori

scarica QUI la locandina in formato word

Immagini del programma in jpg:

 

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Scuola e inclusione: la solita amara apertura dell’anno scolastico?

La Legge 107/2015 di riforma della scuola, sta portando e porterà conseguenze negative pesantissime per gli allievi con disabilità. L’abbiamo detto e non ci stancheremo di ripeterlo. I segnali erano evidenti ad inizio 2017, diventati realtà con i decreti attuativi. In particolare col D.Lgs. 66/2017.
Alla pari delle passate riforme, camuffato in molte parti come progresso positivo, il Decreto 66/2017 ad una lettura un poco più attenta evidenziava immediatamente le enormi criticità. Che abbiamo fin dal disegno di legge rimarcato chiedendo lo stralcio immediato di tutto il disegno di legge; ma dopo che “tanti” non lo han reso possibile, eccoli i primi risultati alle porte del nuovo anno scolastico. Complice l’altrettanto critica riforma dell’assistenza scolastica (anche in questo caso bastava ascoltare e leggere quanto da noi scritto da più parti), si va definendo una congiuntura drammatica per la disabilità a scuola.
Ecco in sintesi le nuove criticità a poche ore dall’apertura dell’anno scolastico 2017/2018.

L’aspetto più rilevante per le nostre famiglie con figli con disabilità è l’esclusione dai processi di collaborazione con la scuola previsti precedentemente dalla Legge 104/92 (già, perché va ricordato che la cosiddetta “buona scuola” è andata ben oltre la delega concessa al Governo, riformando profondamente e pericolosamente una Legge che non poteva essere toccata da quella delega). Il Governo per mano della Ministra Fedeli ha scritto la cancellazione dei GLHI, momento cruciale di programmazione e confronto sulla gestione della disabilità nelle singole scuole. Cancellati anche i GLIP (dove, parimenti, le famiglie potevano interagire e conoscere la programmazione e situazione scolastica) eliminando così il confronto su scala territoriale/provinciale. Facendosi peraltro beffa del binomio Direttiva 27/12/2012 e Circolare Ministeriale 8/2013, creando una grave dimenticanza dei bisogni educativi speciali (BES): non si capisce infatti come potrà organizzarsi il Gruppo di Lavoro sull’Inclusione così come uscito dal D.Lgs. 66/2017. Son passati cinque anni (!!!) da quando abbiamo evidenziato la discrepanza normativa su questo punto, prevedendo l’assoluta impossibilità a seguire quelle (seppur assolutamente legittime e necessarie) dinamiche delle difficoltà scolastiche in senso ampio. Continue reading

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Grazie al 5×1000 sostieni anche tu l’Associazione Genitori Tosti

5x1000 ai Genitori Tosti

Il vostro sostegno all’Associazione Genitori Tosti è fondamentale per portare avanti le iniziative che ci siamo prefissati.

5×1000
Aiutaci a far crescere l’associazione, dai anche tu un piccolo (ma grande per noi) contributo.
Grazie agli associati e a chi devolve il proprio 5 per mille è possibile mantenere viva la rete di relazioni che consentono il coinvolgimento e la condivisione sulle problematiche che si riscontrano nei vari ambiti della quotidianità: la sanità, la scuola, il lavoro, i rapporti con le istituzioni, lavorando per eliminare le barriere culturali e sociali.
Il contributo aiuta inoltre alla gestione di questo sito e delle altre pagine sul web.
I fondi raccolti saranno utilizzati, ad esempio, per organizzare e sostenere gli incontri con le famiglie, i convegni sulle tematiche della disabilità nei territori e con le associazioni e le persone interessate, donazioni di attrezzature ed ausili per agevolare le persone con disabilità ma anche per sviluppare i progetti in cantiere dei Genitori Tosti, sia di proposte che possono arrivare da tutti voi/noi.

Se anche tu credi che la difesa dei diritti e l’inclusione delle persone con disabilità sia importante, devolvi all’Associazione il tuo 5 per mille inserendo nella dichiarazione dei redditi il nostro codice fiscale:
93224580238

 

Associarsi
Se desideri associarti ai Genitori Tosti, ci si associa con soli 20€ inviando l’importo all’IBAN
IT52 H031 2711 7060 0000 0002 126
intestato all’Associazione Genitori Tosti in tutti i posti ONLUS
Inviando un’e-mail a genitoritosti@yahoo.it con oggetto “prima iscrizione” riceverete il modulo di iscrizione.
Grazie

5x1000-300x66-CF

it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Ci siamo! Genitori Tosti: convegno “La scuola inclusiva, buone prassi e loro attori” Verona 26/11/2016

gt2016-11-26veronaLa nostra associazione ha organizzato il Convegno “La scuola inclusiva, buone prassi e loro attori” che si terrà a Verona sabato 26 novembre.

Sarà un momento per discutere sulla scuola e sulla situazione del sostegno scolastico assieme agli attori della scuola: con Flavio Fogarolo, studioso dei processi didattici per i bisogni educativi speciali; con Matteo Pasetto e Maddalena Mossini per conoscere la realtà degli assistenti in ambito scolastico; con Flavio Magarini, presidente di Cittadinanzattiva del Veneto, sul tema degli assistenti socio-sanitari. E naturalmente coi GT:  Alessandra Corradi, presidente dei Genitori Tosti e Giovanni Barin, rappresentante GT per la Lombardia.

I temi del convegno (che potete leggere nel programma qui di seguito oltre che nella locandina) sono quelli che ruotano quotidianamente attorno ai nostri figli; cercheremo di affrontarli da diversi punti di vista, per poi offrire a tutti presenti la possibilità di intervenire nella tavola rotonda finale, dove i relatori risponderanno alle sollecitazioni che emergeranno dagli interventi.

Siamo in un periodo difficile per la partecipazione delle famiglie nella scuola: se da un lato sono sempre meno i genitori che accettano un ruolo negli organismi di partecipazione, è pur vero che sia dalla scuola (che ha sempre meno tempo per cucire le relazioni preziose con le famiglie) sia dal MIUR accade con una certa frequenza di veder alzare barriere comunicative sempre più difficili da abbattere, invece di incentivare il dialogo aperto e costruttivo.

Le famiglie comunque ci sono. Noi ci siamo. I Genitori Tosti ci sono. L’abbiamo detto a suo tempo proprio nelle stanze del MIUR e ripetuto recentemente: l’associazione Genitori Tosti è presente per costruire insieme a tutti i rappresentanti istituzionali, sia col mondo dell’associazionismo della disabilità un dialogo basato sulla Legge, sul rispetto reciproco e l’onestà. Le famiglie rappresentano un potenziale enorme che sta andando perso,  impoverendo la funzione educativa della scuola, che non è limitata ai bambini e ragazzi, ma rivolta a tutta la società.

Programma:

Sabato 26 novembre 2016, Verona – Sala Civica Tommasoli, via Perini 7

ore 9.40: Saluti e presentazioni
LA SCUOLA INCLUSIVA: cos’è, com’è. Dott. Flavio Fogarolo – FISH Gruppo Scuola Veneto (Vicenza)

LE BUONE PRASSI. Dott. Giovanni Barin, rappresentante Regione Lombardia (Lodi)

GLI ATTORI: i genitori – le associazioni. Alessandra Corradi, presidente Genitori Tosti

GLI ATTORI: assistenti all’autonomia e alla comunicazione – Dott. Matteo Pasetto, Dott.ssa Maddalena Mossini

Gli ATTORI: Operatori Socio sanitari – Dott. Flavio Magarini – Presidente Cittadinanzattiva Veneto

11.30 – 12.30 Tavola rotonda

Il convegno è gratuito e aperto a tutti.

Per consentire di gestire l’organizzazione è richiesta l’iscrizione obbligatoria su Eventbride: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-la-scuola-inclusiva-buone-prassi-e-loro-attori-28896977638

INFO convegno: 339 2118094

A presto!

 

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF